Home » L’amalgama dentale

14/05/2024

L’amalgama dentale

amalgama dentale

L’amalgama dentale è uno dei materiali più utilizzati nella storia della odontoiatria per le otturazioni dentali. Conosciuta comunemente come “piombatura”, l’amalgama ha una lunga storia che risale a oltre 150 anni fa. Questo articolo si propone di offrire una panoramica completa sull’amalgama dentale, esplorando la sua composizione, i vantaggi, gli svantaggi, le preoccupazioni sulla salute, e molto altro. Attraverso dieci capitoli dettagliati, scopriremo tutto ciò che c’è da sapere su questo materiale fondamentale nel campo della odontoiatria.

 

Storia dell’amalgama dentale

La storia dell’amalgama dentale è affascinante e ricca di sviluppi che hanno plasmato il modo in cui trattiamo le otturazioni dentali oggi. L’amalgama, una combinazione di mercurio con altri metalli come argento, stagno e rame, ha visto la luce nel XIX secolo.

Il primo utilizzo documentato dell’amalgama risale al 1816, quando un dentista inglese, Thomas Bell, sperimentò con una miscela di mercurio e argento. Tuttavia, fu il dentista francese Auguste Taveau nel 1826 a perfezionare questa combinazione, creando un composto più stabile e utilizzabile per le otturazioni dentali. La sua formula divenne rapidamente popolare in Europa e poi negli Stati Uniti.

Negli anni ’30 dell’Ottocento, l’amalgama fece il suo ingresso negli Stati Uniti, dove inizialmente fu accolto con scetticismo. Il “controversia dell’amalgama” nacque a causa delle preoccupazioni per la tossicità del mercurio. Questo dibattito portò alla formazione di due fazioni nel campo odontoiatrico: gli “amalganisti”, favorevoli all’uso dell’amalgama, e gli “anti-amalganisti”, contrari per motivi di sicurezza. Nonostante queste controversie, l’efficacia e la durabilità dell’amalgama portarono alla sua diffusione su larga scala.

Nel corso del XX secolo, la tecnologia e le tecniche di lavorazione dell’amalgama si sono ulteriormente raffinate, rendendolo uno dei materiali più affidabili per le otturazioni dentali. L’amalgama ha giocato un ruolo cruciale nella modernizzazione della odontoiatria, offrendo una soluzione pratica e duratura per milioni di pazienti in tutto il mondo.

Oggi, mentre l’uso dell’amalgama è in declino a favore di materiali più estetici e meno controversi come le resine composite, rimane una parte fondamentale della storia odontoiatrica e un testamento alla continua evoluzione delle pratiche mediche.

Composizione dell’Amalgama Dentale

L’amalgama dentale è un materiale complesso, risultato di una miscela di diversi metalli, ognuno con un ruolo specifico nella creazione di una sostanza duratura e efficace per le otturazioni dentali. La composizione principale dell’amalgama comprende mercurio, argento, stagno, rame e, in alcuni casi, zinco.

Il mercurio costituisce circa il 50% della miscela. Questo metallo liquido è essenziale perché agisce come legante, permettendo agli altri metalli di formare una massa malleabile che può essere facilmente modellata e inserita nella cavità del dente. Una volta che l’amalgama si indurisce, il mercurio contribuisce alla creazione di una struttura solida e duratura.

 

L’argento, che rappresenta circa il 22-32% della composizione, conferisce resistenza e durabilità all’amalgama, migliorandone anche le proprietà antibatteriche. Lo stagno, presente in una percentuale variabile tra il 14 e il 27%, aiuta a facilitare la miscelazione dei componenti e a migliorare la lavorabilità del materiale.

Il rame, che varia dal 6 al 13%, aumenta la resistenza alla corrosione e riduce la suscettibilità dell’amalgama a deformarsi nel tempo. Infine, lo zinco, sebbene presente in quantità minime (generalmente meno del 2%), agisce come agente di deossidazione, migliorando la durata del composto e prevenendo la degradazione prematura.

Questa combinazione unica di metalli rende l’amalgama un materiale eccezionalmente resistente e longevo, capace di sopportare le forze masticatorie elevate nei molari posteriori. Nonostante le preoccupazioni riguardanti il contenuto di mercurio, l’amalgama continua a essere utilizzata grazie alla sua comprovata efficacia e alla facilità di applicazione.

 

Come si fa (o meglio, facevano) le otturazioni in metallo

Il processo di applicazione dell’amalgama dentale è una procedura ben stabilita e precisa, fondamentale per il successo a lungo termine dell’otturazione. Il trattamento inizia con una valutazione approfondita del dente danneggiato per determinare l’estensione della carie e la salute del dente circostante.

Il primo passo concreto nel processo di applicazione è la rimozione della carie. Il dentista utilizza strumenti specializzati, come trapani dentali e scalpelli, per eliminare accuratamente il tessuto dentale ammalorato, lasciando intatta la parte sana del dente. Questa fase è cruciale per prevenire la progressione della carie e per creare una base solida per l’otturazione.

Dopo aver rimosso la carie, il dentista procede con la preparazione della cavità. Questo implica il modellare la cavità in modo che possa accogliere efficacemente l’amalgama. La forma della cavità è progettata per prevenire il dislocamento dell’otturazione e per massimizzare il contatto e l’aderenza tra l’amalgama e il dente. Spesso, il fondo della cavità viene leggermente svasato per creare una forma che aiuti a bloccare meccanicamente l’otturazione una volta indurita.

Successivamente, il dentista procede alla miscelazione dell’amalgama. Il mercurio liquido viene mescolato con una lega in polvere composta da argento, stagno, rame e talvolta zinco. Questo processo si svolge utilizzando un amalgamatore, che agita vigorosamente i componenti per ottenere una pasta omogenea. La qualità della miscela è fondamentale: deve essere sufficientemente malleabile per essere lavorata, ma anche capace di indurirsi rapidamente una volta in posizione.

La pasta di amalgama viene poi trasferita nella cavità preparata. Il dentista utilizza strumenti speciali per compattare l’amalgama nella cavità, assicurando che riempia completamente lo spazio e che non ci siano vuoti d’aria. Questa fase è essenziale per garantire la stabilità strutturale dell’otturazione e per minimizzare il rischio di fratture future.

Una volta inserita, l’amalgama inizia a indurirsi rapidamente. Durante questo processo, il dentista modella l’otturazione per assicurarsi che corrisponda alla morfologia originale del dente, includendo la creazione di cuspidi e solchi che consentono al paziente di masticare efficacemente senza disagio. Questa modellazione deve essere eseguita con attenzione per evitare di alterare il morso del paziente.

L’ultimo passo del processo è la lucidatura dell’otturazione. Una volta che l’amalgama è completamente indurita, il dentista utilizza una serie di strumenti e paste abrasive per lucidare la superficie dell’otturazione. Questo non solo migliora l’aspetto estetico dell’otturazione ma riduce anche la corrosione e l’usura nel tempo, oltre a minimizzare la formazione di placca sulla superficie dell’otturazione.

 

Vantaggi dell’Amalgama Dentale

L’amalgama dentale offre diversi vantaggi, tra cui la durabilità e la resistenza all’usura. È particolarmente adatta per le otturazioni nei molari posteriori, dove la forza masticatoria è maggiore. Inoltre, l’amalgama è relativamente economica rispetto ad altri materiali dentali, rendendola una scelta accessibile per molte persone.

Ad oggi però, almeno in Italia, viene usata pochissimo.

 

Svantaggi e critiche all’amalgama

Nonostante l’amalgama dentale sia stato un pilastro nelle otturazioni per più di un secolo, ha sempre suscitato preoccupazioni e dibattiti, specialmente in relazione alla sua composizione e all’estetica. Questo capitolo esamina in dettaglio le critiche e i svantaggi associati all’uso dell’amalgama dentale, esplorando le implicazioni per la salute, l’aspetto estetico e le considerazioni ambientali.

Tossicità del Mercurio

Uno dei principali motivi di preoccupazione legati all’amalgama è il suo contenuto di mercurio. Il mercurio è noto per la sua tossicità e i potenziali effetti nocivi sulla salute umana. In condizioni normali, le otturazioni in amalgama rilasciano piccole quantità di vapori di mercurio, specialmente durante la masticazione o l’esposizione a temperature elevate. Questi vapori possono essere inalati e assorbiti dal corpo, accumulandosi nel tempo.

Studi scientifici hanno evidenziato che l’esposizione prolungata ai vapori di mercurio può portare a una serie di problemi di salute, compresi disturbi neurologici e renali. Gruppi vulnerabili come donne in gravidanza, bambini, e persone con allergie o sensibilità specifiche al mercurio, possono essere particolarmente a rischio. Nonostante la Food and Drug Administration (FDA) e altre agenzie regolatorie sostengano che le otturazioni in amalgama siano sicure per la maggior parte delle persone, la preoccupazione persiste, portando alcuni pazienti a scegliere materiali alternativi per le loro otturazioni.

Impatto Estetico

Dal punto di vista estetico, l’amalgama ha limitazioni significative. Il colore metallico scuro delle otturazioni in amalgama non si armonizza con il colore naturale dei denti, rendendole visibilmente distinguibili quando si sorride o si parla. Questo aspetto può essere particolarmente problematico per le otturazioni sui denti anteriori, dove l’impatto estetico è una considerazione importante per molti pazienti.

L’evoluzione dei materiali compositi ha messo in ulteriore evidenza questa limitazione dell’amalgama. I compositi moderni possono essere miscelati per corrispondere esattamente al colore del dente del paziente, offrendo una soluzione quasi invisibile che è preferita per le otturazioni anteriori o per qualsiasi dente che sia visibile quando si parla o si sorride.

Considerazioni Ambientali

L’impatto ambientale dell’amalgama dentale è un’altra area di crescente preoccupazione. Il mercurio è un inquinante noto che può accumularsi negli ecosistemi acquatici e nella catena alimentare. Durante la rimozione delle vecchie otturazioni in amalgama o la cremazione dei corpi con otturazioni in amalgama, il mercurio può essere rilasciato nell’ambiente se non gestito correttamente.

La Convenzione di Minamata sul Mercurio, un trattato internazionale, mira a ridurre le emissioni globali di mercurio, compreso il mercurio proveniente dall’uso dentale dell’amalgama. Questa convenzione ha spinto molti paesi a ridurre o eliminare gradualmente l’uso dell’amalgama in odontoiatria, favorendo materiali alternativi più sicuri per l’ambiente.

Sviluppi Legislativi e Regolatori

La regolamentazione sull’uso dell’amalgama si è intensificata in risposta alle preoccupazioni sulla sicurezza e sull’ambiente. Alcuni paesi hanno introdotto restrizioni sull’uso dell’amalgama, soprattutto nei bambini, nelle donne in gravidanza e nelle donne che allattano, per ridurre l’esposizione al mercurio. Queste misure riflettono una crescente cautela verso il rischio associato all’amalgama e stimolano la ricerca e lo sviluppo di alternative migliori.

 

 Salute e Sicurezza: Il Dibattito sul Mercurio

Il mercurio presente nell’amalgama dentale è una delle principali preoccupazioni per la salute. Sebbene la maggior parte delle ricerche indichi che i livelli di mercurio rilasciati dalle otturazioni siano bassi e generalmente sicuri, alcune persone potrebbero essere più sensibili agli effetti del mercurio. Il dibattito continua, con alcune organizzazioni che raccomandano l’uso limitato delle amalgame dentali, specialmente in popolazioni vulnerabili come bambini e donne in gravidanza.

Alternative all’amalgama dentale

Negli ultimi decenni, il progresso nella scienza dei materiali ha portato allo sviluppo di diverse alternative all’amalgama dentale. Queste alternative offrono vantaggi significativi in termini di estetica, biocompatibilità e, in alcuni casi, impatto ambientale. Tuttavia, presentano anche alcune limitazioni rispetto alla durabilità e al costo. Questo capitolo esplora in dettaglio le principali alternative più moderne all’amalgama: le resine composite, la ceramica e l’oro, analizzando le loro proprietà, applicazioni e limitazioni.

Resine Composite

Le resine composite sono attualmente una delle alternative più popolari all’amalgama per le otturazioni dentali. Sono costituite da una matrice di resina polimerica rinforzata con un riempitivo di particelle ceramiche o di vetro. La loro principale attrattiva è la capacità di essere colorate per corrispondere al colore naturale dei denti, rendendole praticamente invisibili. Questo le rende particolarmente desiderabili per le otturazioni nei denti anteriori o in aree visibili della bocca.

Le resine composite non solo migliorano l‘estetica, ma sono anche aderenti direttamente alla struttura del dente, il che aiuta a rafforzare il dente restaurato e minimizza la rimozione di ulteriore tessuto dentale sano durante la preparazione della cavità. Tuttavia, le resine composite tendono ad essere meno durature rispetto all’amalgama, soprattutto nei denti che sopportano grandi forze masticatorie, come i molari. Inoltre, possono essere più costose e richiedono una tecnica di inserimento più complessa e tempo intensivo, fattori che possono aumentare il costo del trattamento.

Ceramica

Le otturazioni in ceramica, realizzate da porcellana o materiali ceramici avanzati, sono un’altra alternativa estetica all’amalgama. La ceramica può essere abbinata al colore dei denti e offre una resistenza eccellente all’usura e alla macchiatura. Inoltre, la ceramica è molto biocompatibile, con un rischio minimo di causare reazioni allergiche o irritazioni.

Le otturazioni in ceramica sono tipicamente create in laboratorio dopo aver preso un’impronta del dente preparato, il che significa che possono richiedere più di una visita dentistica per completare il trattamento. Anche se sono molto durevoli, le otturazioni ceramiche possono essere fragili e soggette a scheggiatura se esposte a forti morsi o impatti accidentali. Inoltre, il costo delle otturazioni in ceramica è generalmente più alto rispetto ad altre opzioni, a causa della complessità della loro fabbricazione e del materiale stesso.

Oro

Le otturazioni in oro, sebbene meno comuni oggi per motivi estetici, offrono eccellenti proprietà in termini di durata e biocompatibilità. L’oro non corrodere o cambiare colore nel tempo, e molti pazienti trovano che le otturazioni d’oro sono estremamente tollerabili dal corpo. Inoltre, l’oro è resistente all’abrasione e non si frattura sotto pressione, rendendolo ideale per le otturazioni in aree di grande carico masticatorio.

Nonostante questi vantaggi, l’oro è significativamente più costoso di altri materiali a causa del prezzo del metallo stesso e della necessità di lavorazione specializzata. Inoltre, le otturazioni in oro non sono esteticamente desiderabili come le resine composite o le ceramiche, il che le rende meno popolari, specialmente per le otturazioni in aree visibili.

Durabilità e Longevità

Uno dei principali punti di forza dell’amalgama dentale è la sua durabilità. Le otturazioni in amalgama possono durare molti anni, spesso più di quelle in resina composita. Questo rende l’amalgama una scelta pratica per chi cerca una soluzione a lungo termine per le otturazioni dentali.

 

Procedure di Rimozione e Sostituzione dell’Amalgama Dentale

La rimozione delle otturazioni in amalgama dentale è un processo che deve essere gestito con cura e attenzione, per garantire la sicurezza del paziente e del personale odontoiatrico. L’amalgama, contenendo mercurio, presenta specifiche sfide durante la rimozione, poiché l’esposizione ai vapori di mercurio può essere nociva per la salute. Per questo motivo, è fondamentale seguire protocolli specifici per minimizzare qualsiasi rischio. Questo capitolo discute in dettaglio le procedure di rimozione e sostituzione dell’amalgama, evidenziando le tecniche utilizzate e le precauzioni da prendere.

Precauzioni Standard e Protocolli di Sicurezza

La prima fase della rimozione dell’amalgama consiste nell’applicazione di protocolli di sicurezza per proteggere sia il paziente sia il team odontoiatrico. Il dentista utilizza una serie di strumenti e tecniche progettati per ridurre al minimo l’emissione di vapori di mercurio e la dispersione di particelle di amalgama. Tra le misure più efficaci vi sono:

  1. Diga di Gomma: L’uso di una diga di gomma è essenziale per isolare il dente trattato dagli altri denti e dal resto della bocca. Questo non solo previene l’ingestione o l’inalazione di particelle di amalgama da parte del paziente ma aiuta anche a mantenere il campo operativo asciutto e pulito.
  2. Aspirazione ad Alta Velocità: L’aspirazione ad alta velocità è utilizzata per rimuovere i vapori di mercurio e le particelle di amalgama non appena vengono generati. Questo strumento riduce significativamente l’esposizione ai vapori di mercurio durante la procedura.
  3. Copertura e Ventilazione Adeguata: È fondamentale che la sala operativa sia ben ventilata. Inoltre, il personale odontoiatrico dovrebbe indossare indumenti protettivi, mascherine e, se necessario, occhiali di protezione per evitare il contatto diretto con il mercurio.
  4. Tecniche di Rimozione Minimamente Invasive: Utilizzare tecniche che riducano la quantità di calore generato durante la rimozione, come l’uso di trapani a bassa velocità e l’evitamento di tecniche che frantumano l’amalgama, può diminuire la quantità di vapori di mercurio rilasciati.

Il Processo di Rimozione

Il processo di rimozione inizia con la sezione dell’amalgama in blocchi più grandi, il che riduce la produzione di calore e la dispersione di particelle fine. Questi blocchi sono poi delicatamente estratti dalla cavità dentale. Durante questo processo, il dentista deve operare con cautela per evitare una pressione eccessiva che potrebbe aumentare il rilascio di vapori di mercurio.

Una volta rimossa l’amalgama, la cavità viene accuratamente pulita per assicurarsi che tutte le tracce di materiale di otturazione siano state eliminate. Questo passaggio è cruciale per preparare il dente per una nuova otturazione, garantendo che non ci siano residui che potrebbero interferire con l’adesione o la longevità del nuovo materiale di restauro.

Sostituzione dell’Amalgama

Dopo la rimozione dell’amalgama, il dentista valuterà la condizione del dente per determinare il materiale di restauro più adatto. Questa scelta dipenderà da diversi fattori, inclusi l’estetica, la posizione del dente, e la preferenza del paziente. Le alternative comuni includono resine composite, ceramica, e in alcuni casi, nuove otturazioni in oro.

Il processo di inserimento del nuovo materiale segue protocolli simili alla rimozione, con un’attenzione particolare alla prevenzione della contaminazione e alla massimizzazione della durata e funzionalità dell’otturazione. Durante questa fase, è essenziale assicurarsi che la cavità sia completamente asciutta e pulita prima dell’applicazione del nuovo materiale.

Considerazioni Finali

La rimozione e la sostituzione dell’amalgama richiedono una notevole abilità e conoscenza da parte del dentista, per garantire la sicurezza e il successo del trattamento. I pazienti dovrebbero essere pienamente informati sui rischi e sulle opzioni disponibili, per prendere decisioni consapevoli riguardo alla loro salute dentale. Con la crescente consapevolezza delle questioni legate alla sicurezza del mercurio e l’avanzamento nelle tecnologie dentali, è probabile che l’uso dell’amalgama continui a diminuire, preferendo materiali più sicuri e esteticamente gradevoli.

 

Cosa facciamo alla Micros

Noi non facciamo otturazioni in amalgama. Non ne abbiamo mai fatte, non teniamo in studio questo materiale.

I nostri medici sono esperti nel rimuoverla in sicurezza usando microscopio operatorio e diga di gomma: sostituiamo le piombature dei denti con otturazioni bianche in composito o intarsi ceramici.

Dott. Andrea Bianchi il nostro esperto in otturazioni

 

 

Le nuove otturazioni, oltre che ad essere più belle, sono comunque resistenti e confortevoli.

Se anche tu cerchi un dentista a Lucca per  cambiare le tue vecchie otturazioni nere, contattaci per una prima visita!

 

Se hai trovato utile questo articolo e cerchi assistenza in questo specifico caso, contatta il nostro studio Micros, dentista a Lucca: telefono (0583 510189) o messaggio email.

Dicono di Micros

Christopher Sopko
Christopher Sopko
02/08/2023
My wife and I went here today for the first time, and everything was fantastic. We both had our teeth cleaned and a complete examination including X-rays. Thankfully, the dentists, hygienist, and some of the assistants speak English so it made things very easy for us. They were all very, very friendly and a real pleasure to deal with. The office is spotless and they even have a machine that covers the bottom of your shoes in plastic to avoid bringing any dirt into the examination area. We went to another dentist in the area a few months ago that came highly recommended and the experience we had today was equally as good if not better AND it cost a fraction of what we would have paid with the other group. I would strongly advise anyone looking for a new dentist to visit this group, especially if you are looking for a team that speaks English, in a great, clean, and friendly environment!!
Francesco Biagi
Francesco Biagi
10/05/2023
Studio odontoiatrico superlativo. Tutti straordinari.
V L
V L
11/04/2023
Da tanti anni
Irene Pantaleoni
Irene Pantaleoni
15/03/2023
Professionalità, gentilezza e disponibilità fanno da base a questo team odontoiatrico. Lo consiglio senza alcun dubbio.
Irina Pontrandolfo
Irina Pontrandolfo
10/03/2023
Mi sono trovata benissimo, stupenda atmosfera e personale impeccabile!!
Elisa Passaglia
Elisa Passaglia
09/03/2023
Per quanto ho potuto constatare finora, il servizio offerto è ottimo

Micros s.r.l. | P.Iva 02567860461 | Direttore Sanitario Dott. Riccardo Marsalli, iscritto Albo odontoiatri di Lucca n.509 | Autorizzazione Sanitaria n.204/20

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram