Brillantino al Dente per un Sorriso alternativo

Il brillantino dentale

Un gioiello per il tuo sorriso

Il brillantino dentale è un regalo che puoi farti per un sorriso alternativo.

E’ certamente un vezzo estetico, che può piacere come no, ed è una scelta del tutto personale. In questo articolo voglio raccontarti come realizziamo questa tecnica di odontoiatria estetica 🙂

 

Che cos’è il brillantino al dente

In pratica è un gioiellino che viene incollato sulla superficie esterna degli incisivi.

Tipicamente si incolla sull’incisivo laterale superiore, destro o sinistro a seconda dei gusti.

Di solito se ne mette soltanto uno, è più che sufficiente per dare quel tocco di luce particolare al tuo sorriso, ma niente vieta di metterne altri (sinceramente io li ho sempre incollati su un solo dente, ma mai mettere limiti alla fantasia!)

Si tratta di un piccolo cristallo (a volte su richiesta Swarosky) di varia forma, grandezza e colore.

Starà a te scegliere le sue caratteristiche, anche se il mio consiglio è di prenderne uno piccolino e in colore chiaro (eviterei forme strane e colori sgargianti ma, ripeto, la scelta sarà tutta tua 🙂  )

 

Il brillantino al dente
Il brillantino dentale

 

Come si mette?

Come abbiamo già accennato si va ad incollare sul dente.

Il brillantino non viene incastonato, quindi non tocchiamo minimamente lo smalto.

La procedura è semplice e rapida, in pochi minuti lo si applica:

  • scegliamo insieme al paziente il gioiello dentale
  • decidiamo insieme dove incollarlo, su quale dente e in quale posizione
  • si isola il dente con la diga di gomma
  • si lucida il dente con una gommina
  • applichiamo un sottile strato di adesivo e di composito (il solito materiale con cui si fanno le otturazioni)
  • si secca il cemento con una lampada fotopolimerizzatrice
  • togliamo la diga
  • lucidiamo e ti facciamo vedere allo specchio il tuo nuovo gioiello!

 

Fa male mettere il brillantino al dente?

Assolutamente no! Ci tengo a ribadire che il dente non viene limato, quindi nulla di aggressivo o irreversibile. Pertanto non serve anestesia o il noioso classico trapano da dentista.

 

E’ pericoloso per il dente?

Anche qui il no è sicuro! Non andando a intaccare la superficie del tessuto dentale ma limitandoci a mettere un velo di adesivo, la tecnica non pregiudica minimamente l’integrità del tuo incisivo. Sarà importante come sempre che tu stia attento all’igiene orale e fare i canonici controlli periodici dal dentista di fiducia.

 

Evita il fai da te o le estetiste

Sul mercato on line esistono dei kit per auto incollarsi il brillantino, ma te li sconsiglio. Sono difficili da utilizzare, rischi di fare un pastrocchio e di buttare via tempo e soldi. Al tempo stesso evita di rivolgerti a centri estetici, non possono dare il solito livello di esperienza e accuratezza di uno studio odontoiatrico.

 

posizioniamo il brillantino sotto microscopio, per vedere bene dove e come lo incolliamo
posizioniamo il brillantino sotto microscopio, per vedere bene dove e come lo incolliamo

Quanto dura il brillantino sul dente?

Se ben incollato e controllato può durare tranquillamente anni. Evita magari di “giocarci” con le unghie e stai il più attento possibile a scansare traumatismi cronici o acuti. Se si stacca però nessun problema, si rincolla con poco sforzo.

E se poi te ne penti?

Magari per un periodo della tua vita ti è piaciuto indossarlo, ma poi ti sei stancato. Nessun problema, lo togliamo in pochi secondi. Per rimuoverlo si usano strumenti idonei (io impiego il laser erbio per evitare di intaccare minimamente lo smalto).

 

laser erbio
laser erbio

 

Dopo aver rimosso il gioiello si controlla al microscopio che non sia rimasta traccia di colla e semmai si rimuove con dei gommini da lucidatura.

Semplice e per nulla fastidioso 🙂

 

Come sempre scrivimi se vuoi ulteriori informazioni sul gioiello dentale 🙂

 

Condividi
Share:

Lascia un commento