Warning: Creating default object from empty value in /home/customer/www/dentalmicros.it/public_html/wp-content/plugins/stm-post-type/redux/inc/class.redux_filesystem.php on line 29

Warning: session_start(): Cannot start session when headers already sent in /home/customer/www/dentalmicros.it/public_html/wp-content/plugins/booked/booked.php on line 369
I mini impianti dentali: come riavere denti fissi quando c'è poco osso

I mini impianti dentali

i mini impianti dentali

Quando c’è poco osso e non vuoi ricostruirlo

I mini impianti dentali sono delle ottime alternative in caso in cui si debba sostituire uno o più denti e si abbia poco osso a disposizione.

E’ quindi una tecnica che sfrutta degli impianti di forme differenti rispetto a quelli tradizionali.

 

Se l’osso è stretto

Dopo aver fatto una tac e un’analisi attenta del caso, può capitare di trovarsi di fronte a un osso stretto.

Dove in larghezza non entrerebbe un impianto tradizionale.

In queste situazioni possiamo fare varie cose:

  1. innesto d’osso rigenerando il tessuto duro mancante
  2. split crest con chirurgia magneto dinamica (in pratica si allarga l’osso con una frattura controllata)
  3. inserzione di impianti sottili

La scelta della metodica spetta al chirurgo implantologo, ma qualora si optasse per la terza decisione si vanno semplicemente a inserire dei mini impianti dentali stretti e lunghi.

Un caso tipico è per stabilizzare una dentiera inferiore: se la mandibola ha un bell’osso in altezza ma scarso in larghezza, mettere due mini impianti dentali  sottili nella zona del mento dà una bella stabilità alla dentiera ballerina.

 

Se l’osso è poco in altezza

Altro caso è quello in cui l’osso va bene in larghezza ma ne abbiamo poco in altezza.

Ad esempio nella mandibola inferiore dove possiamo avere poca distanza di sicurezza rispetto al nervo alveolare inferiore, oppure nella mascella superiore dove c’è poco spazio rispetto al seno mascellare.

Anche in questo caso possiamo  rigenerare l’osso oppure usare dei mini impianti dentali corti e larghi.

E la letteratura scientifica ci dice che funzionano molto bene.

Sono in pratica degli impianti corti e larghi, che sfruttano tutto lo spessore osseo in ampiezza.  Li utilizzo in particolare nell’arcata superiore, quando non si vuole o non si può realizzare un rialzo di seno mascellare.

 

I mini impianti e la chirurgia guidata

Dovendo posizionare questi impianti in situazioni complesse, con meno osso di quanto servirebbe, un’arma che abbia a disposizione è la chirurgia guidata.

Andando a fare una progettazione digitale sulla tac del paziente, possiamo mettere virtualmente il nostro mini impianto nello spazio giusto.

 

impianti computer guidati
impianti computer guidati

Dopo la progettazione, con la nostra stampante 3D realizzeremo una guida chirurgica che ci permetterà di posizionare in maniera millimetrica il nostro mini impianto dentale.

In questo modo saremo tranquilli nel mettere l’impianto nel poco osso disponibile senza invadere zone anatomiche nobili e pericolose.

 

Il microscopio operatorio per i mini impianti

Sempre per il solito discorso che dobbiamo essere precisi al millimetro, ho scelto personalmente di fare sempre la chirurgia implantare avvalendomi del microscopio operatorio.

 

il microscopio operatorio
il microscopio operatorio

 

Con questo strumento meraviglioso riesco a vedere GRANDE e LUMINOSO, per avere un controllo ancora migliore del mio atto chirurgico.

Se vogliamo dei denti fissi anche con poco osso dobbiamo sfruttare il più possibile il tessuto presente: fare quindi un intervento con il massimo controllo visivo ci permette di andare con più precisione e accuratezza.

 

Il laser

Altro alleato nella chirurgia complessa è il laser. Ne esistono di due tipi e svolgono diverse funzioni:

  1. erbio: serve a incidere l’osso, utilissimo per la sua precisione micrometrica
  2. diodo: serve a biostimolare, accelerando il processo di guarigione e migliorando l’integrazione dell’impianto nell’osso

 

"<yoastmark

Quindi i mini impianti dentali servono per situazioni complesse

E’ un’ulteriore arma che abbiamo a disposizione qualora non possiamo o non vogliamo rigenerare l’osso mancante, per avere quindi denti fissi con poco osso.

Come sempre è una valutazione da fare caso per caso, dopo un’attenta prima visita con un odontoiatra esperto.

CBCT, impronta digitale, analisi dello stato di salute del paziente, suoi desideri e aspettative: ricorda che la terapia implantologica, come ogni cura medica, si basa su evidenze scientifiche e diventa un abito cucito su misura per ogni singola persona.

 

 

Condividi
Share:

Lascia un commento

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca su 'Privacy Policy'