Home » Sinusite e mal di denti

07/05/2024

Sinusite e mal di denti

sinusite e mal di denti

Un lavoro coordinato tra dentista e otorino

Sinusite e mal di denti, che c’azzeccano?!

Iniziamo intanto con il dire che la sinusite è un’infiammazione dei seni paranasali, di quelle cavità cioè che si trovano all’interno delle ossa del nostro viso.

Il nostro cranio è un gioiello dell’ingegneria biologica: non so se lo sapevi, ma le ossa che formano il nostro volto non sono dei blocchi granitici di ossa.

Al contrario, hanno delle numerose cavità (i seni, appunto) che presentano numerose funzioni:

  • riducono il peso della testa (come una formula 1 progettata nella galleria del vento!)
  • fanno da cassa di risonanza per la nostra capacità di parlare
  • filtrano e riscaldano l’aria che respiriamo prima di farla arrivare ai polmoni

Queste strutture sono tutte tappezzate di mucosa, e c’è un vero e proprio torrente di fluidi che circolano continuamente. Se per una qualche ragione si interromre l’equilibrio n questo sistema complesso, viene la sinusite.

 

I sintomi della sinusite

La sinusite è un’infiammazione dei seni paranasali, che sono cavità piene d’aria situate nelle ossa del cranio intorno al naso. Questa condizione può essere acuta o cronica e i suoi sintomi variano a seconda della durata e della severità dell’infiammazione. Ecco una panoramica dei sintomi comuni della sinusite:

 

 

 

  1. Congestione nasale: La sensazione di avere il naso intasato è uno dei sintomi più comuni della sinusite. Questo è dovuto all’infiammazione e al gonfiore dei tessuti nasali e sinusali, che può limitare il flusso d’aria e causare difficoltà nella respirazione nasale.
  2. Dolore e pressione facciale: Le persone affette da sinusite spesso avvertono dolore o pressione nel viso, specialmente attorno al naso, agli occhi o alle guance. Questo dolore può peggiorare quando si abbassa la testa o si fa uno sforzo.
  3. Diminuzione dell’olfatto e del gusto: L’infiammazione può bloccare i canali che trasportano gli odori al cervello, influenzando negativamente il senso dell’olfatto e, conseguentemente, del gusto.
  4. Secrezione nasale: La sinusite può provocare una scarica di muco, che può essere chiaro, giallo o verde. Questo muco può scorrere dal naso o indietro verso la gola, in un fenomeno noto come gocciolamento postnasale.
  5. Mal di testa: I seni paranasali infiammati possono contribuire a mal di testa frequenti o persistenti. Questi possono variare in intensità e localizzazione.
  6. Alitosi: Il muco in eccesso e il gocciolamento postnasale possono portare a cattivo odore del respiro, noto anche come alitosi.
  7. Affaticamento: La lotta del corpo contro un’infiammazione può indurre una sensazione generale di stanchezza o affaticamento.
  8. Tosse: In alcuni casi, il gocciolamento postnasale può causare tosse, specialmente di notte o al mattino, quando la persona è sdraiata.

 

Le cause della sinusite

La sinusite può essere causata da diversi fattori che provocano l’infiammazione dei seni paranasali. Ecco le cause principali di questa condizione:

  1. Infezioni: Le più comuni sono quelle virali, tipiche dei raffreddori, che possono infiammare e ostruire i seni paranasali, portando alla sinusite. Le infezioni batteriche possono seguire quelle virali o svilupparsi indipendentemente, causando spesso forme di sinusite più prolungate o severe. Le infezioni fungine sono meno comuni e di solito si verificano in persone con il sistema immunitario compromesso.
  2. Allergie: Le allergie stagionali o perenni, come la febbre da fieno, possono causare l’infiammazione dei seni paranasali e ostacolare il drenaggio del muco, creando un ambiente favorevole per lo sviluppo di infezioni sinusali.
  3. Deviazioni del setto nasale: Una curvatura del setto nasale può ostacolare il normale flusso d’aria e drenaggio sinusale, aumentando il rischio di sinusite.
  4. Polipi nasali: Queste piccole escrescenze di tessuto nella mucosa nasale possono bloccare i canali sinusali, limitando il drenaggio e favorendo le infezioni.
  5. Condizioni ambientali: L’esposizione a inquinanti, polveri, fumi chimici e altri irritanti ambientali può contribuire all’infiammazione sinusale.
  6. Condizioni mediche: Alcune malattie, come la fibrosi cistica, il reflusso gastroesofageo, o disturbi del sistema immunitario possono predisporre a frequenti episodi di sinusite.
  7. Fattori di rischio legati allo stile di vita: Fumare o essere esposti al fumo di seconda mano può irritare e infiammare le vie aeree e i seni paranasali, aumentando il rischio di sinusite.

 

Come si fa diagnosi di sinusite

La diagnosi di sinusite si basa principalmente sulla valutazione dei sintomi e sull’esame fisico, ma può includere anche altri test per confermare l’infiammazione dei seni paranasali o identificarne la causa. Ecco i passaggi principali nel processo diagnostico della sinusite:

 

  1. Anamnesi medica: Il medico raccoglierà informazioni dettagliate sui sintomi, la loro durata e eventuali fattori scatenanti, come allergie o infezioni recenti.
  2. Esame fisico: Durante l’esame fisico, il medico può:
    • Osservare l’interno del naso utilizzando uno strumento luminoso chiamato speculum nasale per cercare segni di infiammazione, polipi nasali o deviazioni del setto.
    • Palpare le guance e la fronte per verificare la presenza di dolore o sensibilità nei seni paranasali.
  3. Endoscopia nasale: Per un esame più approfondito, può essere effettuata un’endoscopia nasale. Un endoscopio flessibile con una telecamera viene inserito nelle cavità nasali per visualizzare direttamente i seni paranasali e valutare lo stato della mucosa.
  4. Imaging:
    • Radiografia ai seni paranasali: Non è comunemente raccomandata per la sinusite acuta ma può essere usata in casi di sinusite cronica o complicata.
    • Tomografia computerizzata (TC): Fornisce immagini dettagliate dei seni paranasali e può identificare blocco dei canali sinusali, infiammazioni, polipi e altre anomalie strutturali.
    • Risonanza magnetica (RM): Meno comune per la diagnosi di sinusite, può essere usata per escludere complicazioni o altri problemi che coinvolgono i tessuti molli.
  5. Test allergologici: Se si sospetta che le allergie siano la causa della sinusite, possono essere effettuati test cutanei o esami del sangue per identificare gli allergeni specifici.
  6. Tamponi nasali o sinusali: In casi selezionati, specialmente se non si risponde al trattamento standard, possono essere prelevati campioni di muco per identificare agenti infettivi specifici tramite coltura batterica o analisi.

La combinazione di questi metodi consente al medico di stabilire una diagnosi accurata e di proporre un trattamento adeguato alla natura e alla gravità della sinusite.

 

La sinusite e il mal di denti

La sinusite può sorprendentemente essere associata a mal di denti, un sintomo che può sorprendere coloro che non sono a conoscenza del legame tra le cavità nasali e la salute dentale. Questo fenomeno si verifica principalmente quando la sinusite colpisce i seni mascellari, che sono situati nelle guance proprio sopra la parte superiore delle arcate dentali. Ecco come la sinusite può causare mal di denti:

Localizzazione e Pressione

I seni mascellari si trovano molto vicino alle radici dei denti superiori. Quando questi seni si infiammano e si riempiono di fluido a causa della sinusite, la pressione accumulata può esercitare una forza sui denti e sulle loro radici. Questa pressione può essere percepita come dolore o fastidio nei denti, specialmente quelli del lato superiore, e può essere erroneamente interpretata come un problema dentale puro.

Irradiazione del Dolore

Il dolore causato dalla sinusite può anche irradiarsi a diverse parti del viso, inclusa la mascella superiore. Il dolore può essere diffuso e non limitarsi a un dente specifico, il che lo rende difficile da localizzare. Questo tipo di dolore tende a peggiorare quando si inclina la testa in avanti o si effettuano movimenti bruschi, a differenza del dolore dovuto a problemi dentali diretti, che è generalmente costante o si aggrava con la masticazione.

Diagnosi e Gestione

Se sospetti che il tuo mal di denti possa essere correlato alla sinusite, è importante valutare altri sintomi di sinusite che potresti avere, come congestione nasale, secrezione nasale, mal di testa, o dolore e pressione facciale. Inoltre, un controllo presso un medico o un dentista può aiutare a distinguere se il dolore è realmente di origine sinusale o dentale. Gli esami di imaging come una radiografia o una tomografia computerizzata possono mostrare se c’è infiammazione nei seni paranasali che potrebbe spiegare il dolore dentale.

Il trattamento del mal di denti causato dalla sinusite si concentra sul ridurre l’infiammazione e il drenaggio dei seni paranasali. Questo può includere l’uso di decongestionanti, antistaminici, spray nasali a base di corticosteroidi, e in alcuni casi, antibiotici se c’è una infezione batterica sottostante. Alleviare la sinusite di solito porta a un miglioramento anche del dolore dentale correlato.

 

Le patologie dentali che causano la sinusite

Le patologie dentali possono effettivamente contribuire allo sviluppo della sinusite, in particolare nei seni mascellari, che sono i più vicini alla cavità orale. Qui di seguito, ti elenco alcune condizioni dentali che possono portare a sinusite:

  1. Infezioni dei denti del giudizio: I denti del giudizio superiori, quando infetti, possono causare infiammazione che si estende ai seni paranasali vicini, in particolare se i denti sono parzialmente erotti o impattati.
  2. Ascessi dentali: Gli ascessi che si formano nelle radici dei denti superiori possono diffondere l’infezione ai seni mascellari. Questo è particolarmente vero per i denti posteriori, i cui apici radicolari si trovano vicino al pavimento del seno mascellare.
  3. Malattie parodontali avanzate: Le malattie che colpiscono le gengive e la struttura di supporto dei denti possono portare a infiammazioni e infezioni che si estendono ai seni.
  4. Estrazioni dentali: Le estrazioni, specialmente di denti superiori vicini ai seni mascellari, possono occasionalmente perforare il pavimento del seno. Questo può portare a una comunicazione diretta tra la bocca e il seno mascellare, aumentando il rischio di sinusite.
  5. Implantologia dentale: Raramente, l’inserimento di impianti nei denti superiori può perforare il pavimento del seno mascellare. Se non trattata adeguatamente, questa condizione può portare a sinusite.

Prevenzione e Trattamento

Prevenire la sinusite legata a problemi dentali include la gestione attenta delle patologie dentali e parodontali. È essenziale sottoporsi a regolari controlli dentali e trattare prontamente le infezioni o le malattie delle gengive. Inoltre, durante le procedure dentali che comportano un rischio di impatto sui seni paranasali, come estrazioni di molari superiori o impianti, è cruciale adottare tecniche che minimizzino il rischio di danni ai seni.

Se si sospetta che una sinusite possa avere una causa dentale, è importante sia consultare un dentista per valutare e trattare qualsiasi patologia dentale sottostante, sia collaborare con un medico per il trattamento dell’infiammazione sinusale. Questo approccio multidisciplinare assicura la gestione più efficace di entrambe le condizioni.

Sinusite e impianti dentali

L’associazione tra impianti dentali e sinusite riguarda principalmente i casi in cui gli impianti vengono posizionati nella mascella superiore, vicino ai seni paranasali. Se non eseguiti correttamente, gli impianti dentali possono causare complicazioni che possono portare a sinusite. Ecco come può succedere e cosa può essere fatto per prevenire o trattare questi problemi.

Come gli Impianti Possono Causare Sinusite

  1. Perforazione del Seno Mascellare: Durante l’inserimento di un impianto nella mascella superiore, c’è il rischio di perforare il pavimento del seno mascellare se non si valuta correttamente la quantità di osso disponibile. Una perforazione può permettere ai microbi della bocca di accedere ai seni paranasali, potenzialmente causando un’infezione.
  2. Infiammazione Post-Chirurgica: Anche se l’impianto non perfora il seno, l’intervento chirurgico può indurre infiammazione. Se l’area infiammata è vicina ai seni paranasali, può contribuire a ostruire il drenaggio sinusale normale, portando a sinusite.
  3. Infezione Intorno all’Impianto: Se si sviluppa un’infezione attorno all’impianto, nota come peri-implantite, questa può diffondersi al seno paranasale vicino, causando o aggravando una sinusite.

Prevenzione e Trattamento

Prevenzione:

  • Valutazione Pre-Chirurgica Approfondita: Prima dell’inserimento dell’impianto, è essenziale condurre una valutazione dettagliata, che include radiografie o una tomografia computerizzata (TC) per assicurarsi che ci sia sufficiente osso e per evitare di perforare i seni paranasali.
  • Tecniche Chirurgiche Appropriate: L’utilizzo di tecniche chirurgiche appropriate e la scelta di impianti della giusta dimensione sono fondamentali per ridurre il rischio di danni ai seni.
  • Uso di Membrane e Materiali di Rigenerazione: In casi di osso limitato, possono essere usati materiali di rigenerazione ossea e membrane per aumentare il volume osseo senza invadere il seno.

Trattamento:

  • Antibiotici: Se si sospetta una sinusite derivante da un’impianto, il trattamento può includere l’uso di antibiotici per controllare l’infezione.
  • Rimozione dell’Impianto: In casi gravi dove l’impianto ha causato un danno significativo o una infezione persistente che non risponde al trattamento, può essere necessaria la rimozione dell’impianto.
  • Intervento Chirurgico Sinusale: A volte, può essere necessario un intervento chirurgico per riparare la perforazione del seno e ripristinare il normale drenaggio sinusale.

È importante che i pazienti segnalino qualsiasi sintomo insolito, come dolore o pressione nel seno, a un dentista o a un medico subito dopo l’inserimento di un impianto dentale. Una collaborazione stretta tra dentisti, chirurghi orali e otorinolaringoiatri è cruciale per gestire questi casi complessi e prevenire le complicazioni a lungo termine.

 

Dentista e otorino: lavoro di squadra

 

dentista a Lucca

 

Il lavoro di squadra tra dentista e otorinolaringoiatra (otorino) è fondamentale quando si affrontano condizioni che colpiscono sia la salute orale sia quella dei seni paranasali. La collaborazione tra questi specialisti è particolarmente importante in casi come le complicazioni dei seni paranasali legate a patologie dentali, l’effetto degli impianti dentali sui seni, o le infezioni che coinvolgono sia i denti che i seni paranasali. Ecco come questi professionisti possono collaborare per fornire la migliore assistenza possibile:

Valutazione e Diagnosi Condivisa

  • Scambio di Informazioni: I dentisti e gli otorini possono scambiarsi informazioni dettagliate sui sintomi del paziente, le loro storie mediche e dentali, e i risultati degli esami. Questo permette una comprensione più completa della situazione del paziente.
  • Esami di Imaging: Entrambi possono richiedere o condividere esami di imaging, come radiografie dentali o tomografie computerizzate (TC) dei seni paranasali, per una valutazione accurata della struttura ossea e dei seni.

Trattamento Integrato

  • Gestione delle Infezioni: Se un’infezione si diffonde dai denti ai seni paranasali o viceversa, la coordinazione nel trattamento antibiotico o antinfiammatorio è cruciale. Gli otorini possono prescrivere trattamenti per ridurre l’infiammazione dei seni, mentre i dentisti possono trattare le infezioni odontogene.
  • Chirurgia Coordinata: In casi di complicazioni dovute a impianti dentali o altre procedure orali che influenzano i seni, la pianificazione congiunta delle procedure chirurgiche può migliorare i risultati e ridurre il rischio di complicanze future.

Follow-up e Prevenzione

  • Monitoraggio Post-Trattamento: Dopo il trattamento, un follow-up congiunto può aiutare a monitorare la guarigione e prevenire la ricorrenza dei problemi. Ad esempio, dopo la rimozione di un impianto problematico o il trattamento di una sinusite cronica, entrambi i medici possono valutare la risposta del paziente.
  • Educazione del Paziente: Educare i pazienti su come mantenere una buona igiene orale e nasale può ridurre il rischio di future complicazioni. Entrambi gli specialisti possono fornire consigli specifici basati sulle condizioni uniche del paziente.

Ricerca e Innovazione

  • Ricerca Condivisa: I dentisti e gli otorini possono collaborare nella ricerca per sviluppare nuove tecnologie o metodi di trattamento che beneficino sia della salute orale sia di quella dei seni paranasali.

Questa collaborazione interdisciplinare non solo migliora la qualità del trattamento per i pazienti ma aiuta anche gli specialisti a comprendere meglio le complesse interazioni tra salute orale e sinusale, portando a una migliore prevenzione e gestione delle patologie correlate.

 

Se hai trovato utile questo articolo e cerchi assistenza in questo specifico caso, contatta il nostro studio Micros, dentista a Lucca: telefono (0583 510189) o messaggio email.

 

Dicono di Micros

Christopher Sopko
Christopher Sopko
02/08/2023
My wife and I went here today for the first time, and everything was fantastic. We both had our teeth cleaned and a complete examination including X-rays. Thankfully, the dentists, hygienist, and some of the assistants speak English so it made things very easy for us. They were all very, very friendly and a real pleasure to deal with. The office is spotless and they even have a machine that covers the bottom of your shoes in plastic to avoid bringing any dirt into the examination area. We went to another dentist in the area a few months ago that came highly recommended and the experience we had today was equally as good if not better AND it cost a fraction of what we would have paid with the other group. I would strongly advise anyone looking for a new dentist to visit this group, especially if you are looking for a team that speaks English, in a great, clean, and friendly environment!!
Francesco Biagi
Francesco Biagi
10/05/2023
Studio odontoiatrico superlativo. Tutti straordinari.
V L
V L
11/04/2023
Da tanti anni
Irene Pantaleoni
Irene Pantaleoni
15/03/2023
Professionalità, gentilezza e disponibilità fanno da base a questo team odontoiatrico. Lo consiglio senza alcun dubbio.
Irina Pontrandolfo
Irina Pontrandolfo
10/03/2023
Mi sono trovata benissimo, stupenda atmosfera e personale impeccabile!!
Elisa Passaglia
Elisa Passaglia
09/03/2023
Per quanto ho potuto constatare finora, il servizio offerto è ottimo

Micros s.r.l. | P.Iva 02567860461 | Direttore Sanitario Dott. Riccardo Marsalli, iscritto Albo odontoiatri di Lucca n.509 | Autorizzazione Sanitaria n.204/20

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram